Film, mostre ecc.

La baracca dell'incontro


 Terrasanta.net |  12 maggio 2017

Una scena del documentario "The Field".

Viene presentato in questi giorni a Tel Aviv il documentario The Field. Racconta una delle ancor rare e ardue esperienze di dialogo tra israeliani e palestinesi nei Territori occupati.


(g.s.) - Si svolge in Israele dall’11 al 20 maggio Docaviv, il Festival internazionale di Tel Aviv dedicato ai documentari. Nella sezione riservata ai film israeliani sono più d’una le opere degne d’attenzione. Pensiamo a My beloved country che racconta il non facile processo di inserimento in Israele di nuovi immigrati ebrei di varia età e provenienza geografica: adolescenti e adulti dalla Russia, dal Libano e dall’India. The Promised (La promessa) tocca lo stesso tema dal punto di vista degli immigrati ebrei dalla Francia (seguiti dal regista per cinque anni), alla scoperta di una terra per molti versi diversa dalle aspettative.

Ma è su un altro documentario che vogliamo soffermarci: The Field (Il campo), dedicato al progetto Roots (Radici), un’esperienza di dialogo tra palestinesi ed ebrei israeliani insediati nei Territori occupati. Anche quest’opera nasce da un paziente lavoro di documentazione durato quasi due anni e mezzo.

The Field descrive il cammino percorso da questo gruppo di persone che nei pressi di Gush Etzion, tra Betlemme e Hebron, ha raccolto la sfida ad ascoltarsi e confrontarsi reciprocamente lanciata da Ali Abu Awad. Lui è un palestinese che molto ha pagato in termini personali e familiari alla logica del conflitto armato. Ormai, convinto che sia un vicolo cieco, si è convertito alla prospettiva della non violenza, ispirandosi alle esperienze del Mahatma Gandhi e di Martin Luther King. Dopo aver militato in Fatah, come la madre, ed avere come lei passato alcuni anni nelle carceri dello Stato ebraico, Ali ha anche perso un fratello, freddato da un soldato israeliano a un posto di blocco. Vicende tragiche che lo hanno condotto ad aderire a Parents Circle, il forum di famigliari israeliani e palestinesi di vittime del conflitto che cercano insieme una via di riconciliazione alternativa al perpetuarsi della vendetta e dell’odio.

 

In questo video, del regista Mordechai Vardi, Ali Abu Awad parla in inglese a un uditorio di israeliani insediati a Efrat, nell’area di Gush Etzion.

 

In un campo di sua proprietà Ali - che parla correntemente arabo, ebraico e inglese - ha costruito una baracca, proponendola ai coloni che abitano in zona come luogo di incontro, o, se si vuole, di scontro pacifico e all’insegna dell’ascolto. Tra i primi ad aderire alla proposta c'è il rabbino Hanan Schlesinger che diventa così uno dei fondatori dell’esperienza di Roots. The Field ne narra dando conto degli alti e bassi, inclusi i momenti in cui una nuova ondata di violenza lambisce le persone più vicine e sembra in grado di vanificare ogni sforzo di incontrarsi e sradicare dai cuori il desiderio di fare pace.

---

The Field (Hasade)  
regista: Mordechai Vardi
genere: Documentario, Attualità
produzione: Israele, 2017
lingua: ebraico, inglese, arabo. Con sottotitoli in inglese
Durata: 82 minuti

Vai al trailer

Voci dal Parents Circle

La testimonianza di Robi, ebrea e israeliana, e Bushra, musulmana e palestinese. I loro popoli si combattono da oltre 70 anni. Tutto sembra dividerle. Forse dovrebbero odiarsi e invece...
In libreria dal primo giugno 2017

C'è un teatro romano nel cuore di Gerusalemme

I resti archeologici sono stati presentati nei giorni scorsi ai mass media. Un nuovo tassello nel puzzle della storia di Gerusalemme dopo la distruzione del Tempio nel 70 d.C.

I rospi nelle tombe di Gerusalemme

In una tomba dell'età del bronzo ritrovati nei giorni scorsi dei rospi decapitati. La scoperta potrebbe rimettere in discussione la storia conosciuta delle popolazioni cananee.

Shahbaz, la tenacia di un martire dei giorni nostri

In un nuovo libro il ritratto del ministro pakistano ucciso nel 2011. Il fratello Paul riporta alla luce la vicenda di un cristiano da cui trarre ispirazione.

In Terra Santa coi francescani

Recarsi in Terra Santa è toccare con mano i luoghi in cui il Verbo di Dio è entrato nell'esperienza umana in Gesù di Nazaret. I frati minori della Custodia promuovono i pellegrinaggi con l'apposito Ufficio di Roma.