Itinerari

Israele, ingegneria idraulica dell'Età del Ferro


 Terrasanta.net |  21 luglio 2017

Il fermo immagine di un video girato nella cisterna rinvenuta a Rosh Ha-Ayin.

Non lontano da Tel Aviv gli archeologi israeliani recuperano un'antica cisterna ipogea per la raccolta delle acque piovane. Risale all'Età del Ferro. Sui muri anche incisioni d'epoca più tarda.


(g.s.) - Ai margini del centro urbano israeliano di Rosh Ha-Ayin, non lontano da Tel Aviv e sulla linea di demarcazione con i Territori palestinesi di Cisgiordania, gli archeologi hanno riportato alla luce una vasca ipogea per la raccolta delle acque antica di 2.700 anni (cioè dell’Età del Ferro).

Il sistema ideato per immagazzinare le acque piovane nella stagione umida e riutilizzarle nei periodi di siccità è stato scoperto durante indagini archeologiche preventive in un’area su cui è prevista l’edificazione di nuovi complessi residenziali.

Secondo gli studiosi la cisterna doveva risultare colma al termine dell’inverno, se si ipotizzano 500 millimetri di precipitazioni stagionali. La vasca è lunga 20 metri e profonda 4. La sovrastava un edificio con muri lunghi una cinquantina di metri. Probabilmente non si trattava di una semplice fattoria, come altre che sorgevano nella zona dopo la distruzione del Regno di Israele nel 720 a.C e sotto la dominazione assira. L’edificio ospitava forse un centro amministrativo con giurisdizione sulle aziende circostanti, o almeno così ipotizza l’archeologo Gilad Itach, responsabile degli scavi a Rosh Ha-Ayin.

 

L'archeologo Gilad Itach illustra - in inglese - la cisterna ritrovata.

È lo stesso archeologo a segnalare altri elementi interessanti rivenuti nel sito: cocci di vasellame utilizzato probabilmente per attingere l’acqua dalla cisterna e varie figure incise sui muri del sotterraneo in epoca più tarda: si va dalle croci, ai motivi vegetali per giungere fino alla raffigurazione di esseri umani: almeno sette figure che misurano tra i 15 e i 30 centimetri in altezza.

Il monastero di San Teodosio

Nel Wadi Nar, non lontano da Betlemme, si trova il luogo che fa memoria di una fulgida figura del monachesimo.

Una storia di naufraghi

Ambientato poco fuori Marsiglia, il film La casa sul mare induce a riflettere su temi importanti. La vita dei protagonisti, europei in crisi, ritrova luce nell'incontro con tre bambini immigrati.

La musica contro

Un pianista siriano, divenuto un simbolo per avere suonato fra le macerie presso Damasco, racconta la sua vita di vittima in fuga, la musica, il dramma della guerra.

In Terra Santa coi francescani

Recarsi in Terra Santa è toccare con mano i luoghi in cui il Verbo di Dio è entrato nell'esperienza umana in Gesù di Nazaret. I frati minori della Custodia promuovono i pellegrinaggi con l'apposito Ufficio di Roma.