Itinerari

Israele, ingegneria idraulica dell'Età del Ferro


 Terrasanta.net |  21 luglio 2017

Il fermo immagine di un video girato nella cisterna rinvenuta a Rosh Ha-Ayin.

Non lontano da Tel Aviv gli archeologi israeliani recuperano un'antica cisterna ipogea per la raccolta delle acque piovane. Risale all'Età del Ferro. Sui muri anche incisioni d'epoca più tarda.


(g.s.) - Ai margini del centro urbano israeliano di Rosh Ha-Ayin, non lontano da Tel Aviv e sulla linea di demarcazione con i Territori palestinesi di Cisgiordania, gli archeologi hanno riportato alla luce una vasca ipogea per la raccolta delle acque antica di 2.700 anni (cioè dell’Età del Ferro).

Il sistema ideato per immagazzinare le acque piovane nella stagione umida e riutilizzarle nei periodi di siccità è stato scoperto durante indagini archeologiche preventive in un’area su cui è prevista l’edificazione di nuovi complessi residenziali.

Secondo gli studiosi la cisterna doveva risultare colma al termine dell’inverno, se si ipotizzano 500 millimetri di precipitazioni stagionali. La vasca è lunga 20 metri e profonda 4. La sovrastava un edificio con muri lunghi una cinquantina di metri. Probabilmente non si trattava di una semplice fattoria, come altre che sorgevano nella zona dopo la distruzione del Regno di Israele nel 720 a.C e sotto la dominazione assira. L’edificio ospitava forse un centro amministrativo con giurisdizione sulle aziende circostanti, o almeno così ipotizza l’archeologo Gilad Itach, responsabile degli scavi a Rosh Ha-Ayin.

 

L'archeologo Gilad Itach illustra - in inglese - la cisterna ritrovata.

È lo stesso archeologo a segnalare altri elementi interessanti rivenuti nel sito: cocci di vasellame utilizzato probabilmente per attingere l’acqua dalla cisterna e varie figure incise sui muri del sotterraneo in epoca più tarda: si va dalle croci, ai motivi vegetali per giungere fino alla raffigurazione di esseri umani: almeno sette figure che misurano tra i 15 e i 30 centimetri in altezza.

Tra Asia ed Europa, la via di una storia comune

Dall’antichità al Novecento, attraverso le vicende di città nodali, il libro illustra la trama di conoscenze, rapporti e contaminazioni che hanno segnato la storia tra Oriente asiatico e Mediterraneo.

Il sacro, patrimonio di tutti

La bizantinista Silvia Ronchey propone un originale percorso di riscoperta del sacro, tra Oriente e Occidente, in una circolazione di elementi che accomunano le civiltà. E confuta così l'idea di scontro.

Testimonianze a fumetti dal Kurdistan

Con accenti a tratti naif e il linguaggio della graphic novel, Claudio Calia propone in questo libro storie di frontiera raccolte di prima mano nel Nord dell’Iraq insieme agli operatori di Un ponte per...

In Terra Santa coi francescani

Recarsi in Terra Santa è toccare con mano i luoghi in cui il Verbo di Dio è entrato nell'esperienza umana in Gesù di Nazaret. I frati minori della Custodia promuovono i pellegrinaggi con l'apposito Ufficio di Roma.