Attualità

Il Papa consola e rincuora i cristiani del Medio Oriente con una lettera natalizia


 Terrasanta.net |  23 dicembre 2014

Papa Francesco in piazza San Pietro.

Sono parole di consolazione e vicinanza quelle che Papa Francesco ha voluto rivolgere ai cristiani nel Medio Oriente in occasione del Natale. Bergoglio li raggiunge con una lunga lettera scritta espressamente per loro il 21 dicembre, «sapendo che per molti alle note dei canti natalizi si mescoleranno le lacrime e i sospiri».


(g.s.) - Sono parole di consolazione e vicinanza quelle che Papa Francesco ha voluto rivolgere ai cristiani nel Medio Oriente in occasione del Natale.

Bergoglio li raggiunge con una lettera scritta espressamente per loro il 21 dicembre, «sapendo che per molti alle note dei canti natalizi si mescoleranno le lacrime e i sospiri».

Senza nominarlo espressamente Francesco fa riferimento allo Stato Islamico e al suo sanguinario dilagare in Siria ed Iraq: «L’afflizione e la tribolazione non sono mancate purtroppo nel passato anche prossimo del Medio Oriente. Esse si sono aggravate negli ultimi mesi a causa dei conflitti che tormentano la Regione, ma soprattutto per l’operato di una più recente e preoccupante organizzazione terrorista, di dimensioni prima inimmaginabili, che commette ogni sorta di abusi e pratiche indegne dell’uomo, colpendo in modo particolare alcuni di voi che sono stati cacciati via in maniera brutale dalle proprie terre, dove i cristiani sono presenti fin dall’epoca apostolica».

La sofferenza dei cristiani e degli altri gruppi religiosi ed etnici che subiscono la persecuzione e le conseguenze di tali conflitti «grida verso Dio e fa appello all’impegno di tutti noi, nella preghiera e in ogni tipo di iniziativa» dice il Pontefice.

È essenziale, continua Francesco, che i cristiani rimangano saldamente aggrappati a Cristo come i tralci alla vite: «Prego perché possiate vivere la comunione fraterna sull’esempio della prima comunità di Gerusalemme. L’unità voluta dal nostro Signore è più che mai necessaria in questi momenti difficili; è un dono di Dio che interpella la nostra libertà e attende la nostra risposta. La Parola di Dio, i Sacramenti, la preghiera, la fraternità alimentino e rinnovino continuamente le vostre comunità».

Le asperità presenti non devono abbattere, ma essere accolte come «un forte appello alla santità della vita, come hanno attestato santi e martiri di ogni appartenenza ecclesiale».

Il Pontefice argentino dice: «Ricordo con affetto e venerazione i Pastori e i fedeli ai quali negli ultimi tempi è stato chiesto il sacrificio della vita, spesso per il solo fatto di essere cristiani. Penso anche alle persone sequestrate, tra cui alcuni Vescovi ortodossi e sacerdoti dei diversi Riti. Possano presto tornare sane e salve nelle loro case e comunità! Chiedo a Dio che tanta sofferenza unita alla croce del Signore dia frutti di bene per la Chiesa e per i popoli del Medio Oriente».

Il Papa si compiace della collaborazione, che in mezzo alle difficoltà, è nata tra i cristiani e gli ecclesiastici di diverse appartenenze («Le sofferenze patite dai cristiani portano un contributo inestimabile alla causa dell’unità. È l’ecumenismo del sangue, che richiede fiducioso abbandono all’azione dello Spirito Santo»).

Dopo aver ribadito che la presenza dei cristiani in Medio Oriente è preziosa, Bergoglio esorta alla collaborazione con le persone di altre religioni, con gli ebrei e con i musulmani: «Il dialogo interreligioso è tanto più necessario quanto più difficile è la situazione. Non c’è un’altra strada. Il dialogo basato su un atteggiamento di apertura, nella verità e nell’amore, è anche il migliore antidoto alla tentazione del fondamentalismo religioso, che è una minaccia per i credenti di tutte le religioni. Il dialogo è al tempo stesso un servizio alla giustizia e una condizione necessaria per la pace tanto desiderata».

In particolare, i cristiani possono esercitare un ruolo di stimolo nei confronti dei musulmani. Scrive il Papa: «Potete aiutare i vostri concittadini musulmani a presentare con discernimento una più autentica immagine dell’Islam, come vogliono tanti di loro, i quali ripetono che l’Islam è una religione di pace e può accordarsi con il rispetto dei diritti umani e favorire la convivenza di tutti. Sarà un bene per loro e per l’intera società. La situazione drammatica che vivono i nostri fratelli cristiani in Iraq, ma anche gli yazidi e gli appartenenti ad altre comunità religiose ed etniche, esige una presa di posizione chiara e coraggiosa da parte di tutti i responsabili religiosi, per condannare in modo unanime e senza alcuna ambiguità tali crimini e denunciare la pratica di invocare la religione per giustificarli».

Avviandosi a concludere il Vescovo di Roma esprime stima e gratitudine ai patriarchi, vescovi, sacerdoti, religiosi e religiose, e poi incoraggia i giovani, gli anziani, gli operatori nel campo dell’assistenza e dell’istruzione.

A tutti il Papa ripete: «Carissimi, pur se pochi numericamente, siete protagonisti della vita della Chiesa e dei Paesi in cui vivete. Tutta la Chiesa vi è vicina e vi sostiene, con grande affetto e stima per le vostre comunità e la vostra missione. Continueremo ad aiutarvi con la preghiera e con gli altri mezzi a disposizione».

Poi Francesco si mette a fianco dei fratelli mediorientali nel rivolgendosi alla comunità internazionale che esorta a «promuovere la pace mediante il negoziato e il lavoro diplomatico, cercando di arginare e fermare quanto prima la violenza che ha causato già troppi danni. Ribadisco la più ferma deprecazione dei traffici di armi. Abbiamo piuttosto bisogno di progetti e iniziative di pace, per promuovere una soluzione globale ai problemi della Regione. Per quanto tempo dovrà soffrire ancora il Medio Oriente per la mancanza di pace? Non possiamo rassegnarci ai conflitti come se non fosse possibile un cambiamento! Sulla scia del mio pellegrinaggio in Terra Santa e del successivo incontro di preghiera in Vaticano con i Presidenti israeliano e palestinese, vi invito a continuare a pregare per la pace in Medio Oriente. Chi è stato costretto a lasciare le proprie terre, possa farvi ritorno e vivere in dignità e sicurezza. L’assistenza umanitaria possa incrementarsi, ponendo sempre al centro il bene della persona e di ogni Paese nel rispetto della sua identità propria, senza anteporre altri interessi. Che la Chiesa intera e la Comunità internazionale diventino sempre più consapevoli dell’importanza della vostra presenza nella Regione».

La lettera si conclude così: «La vostra testimonianza mi fa tanto bene. Grazie! Ogni giorno prego per voi e per le vostre intenzioni. Vi ringrazio perché so che voi, nelle vostre sofferenze, pregate per me e per il mio servizio alla Chiesa. Spero tanto di avere la grazia di venire di persona a visitarvi e confortarvi».

---

Per la versione integrale della lettera di Papa Francesco clicca qui.

Yehoshua: L'estremismo religioso pietra d'inciampo

Per lo scrittore israeliano A. B. Yehoshua il dialogo tra israeliani e palestinesi è sempre più difficile e la soluzione dei due Stati per due popoli in Terra Santa «è ormai morta da tempo».

Storico! Il patriarca maronita Rai in Arabia Saudita

Per la prima volta un leader religioso cristiano è stato ricevuto con tutti gli onori dai governanti sauditi a Riyadh. Il cardinale Rai ha colto l'occasione per incontrare il premier libanese dimissionario Hariri.

Il Libano in crisi cerca nuovi equilibri

Dopo le dimissioni a sorpresa del premier Hariri, il Libano deve ritrovare nuove forme di collaborazione tra lo schieramento sunnita legato all'Arabia Saudita e il fronte filoiraniano guidato da Hezbollah.

Per l'Egitto una nuova capitale

Entro la fine del 2019 gli egiziani avranno una nuova capitale amministrativa, non lontana dal Cairo. La città avrà 5 milioni di abitanti e vedrà al lavoro quasi 2 milioni di persone.