Attualità

Siria, padre François Mourad ucciso in un convento francescano


di Giuseppe Caffulli |  24 giugno 2013

Padre François Mourad.

Si chiamava padre François Mourad (49 anni) il religioso ucciso ieri a Ghassanieh, nella valle dell’Oronte, in Siria, in una delle missioni dei frati minori francescani della Custodia di Terra Santa. Padre François si era trasferito nella zona da Aleppo, per aiutare i frati nel lavoro pastorale e nell’assistenza ai profughi.


(Milano) - Si chiamava padre François Mourad (49 anni) il religioso ucciso ieri a Ghassanieh, nella valle dell’Oronte, in Siria, in una delle missioni dei frati minori francescani della Custodia di Terra Santa. Padre François si era trasferito nella zona da Aleppo, per aiutare i frati nel lavoro pastorale e nell’assistenza ai profughi. Secondo una prima versione, ad ammazzare il religioso sarebbe stato un proiettile vagante. Ma secondo una ricostruzione più precisa dei fatti, la morte di padre François sarebbe avvenuta in seguito a un’irruzione dei ribelli nel convento francescano, forse a scopo di rapina.

La salma del religioso è stata recuperata dai frati della Custodia del vicino villaggio di Knayeh, dove oggi si è svolgerà il funerale della vittima. Anche le Suore del Rosario che si trovavano a Ghassanieh hanno lasciato per motivi di sicurezza il loro convento.

Di padre François Mourad, fondatore di una nuova congregazione siro-cattolica che si ispirava alla spiritualità di San Simeone lo Stilita, avevamo parlato tempo fa sulla rivista Terrasanta (cfr novembre-dicembre 2006, p. 42) Siriano della provincia di Lattakia, saio grigio, modi gentili, padre François prima di ottenere dal vescovo siro-cattolico il permesso per dare vita alla nuova fraternità, era stato prima trappista a Latroun (Israele) e poi francescano.

Aveva dato vita ad un piccolo monastero ad Hwar, poco fuori Aleppo, dove viveva con alcuni novizi e postulanti: «Il carisma di San Simeone è il carisma della presenza, della contemplazione, dell’essenzialità e dell’ascolto – raccontava durante il nostro incontro –. Cerchiamo di vivere in questo modo, in semplicità, condividendo quello che abbiamo con le famiglie del nostro villaggio, per la gran parte musulmane, mostrando nella quotidianità il volto di Cristo. È un dialogo delle piccole cose che crediamo possa portare grandi frutti».

Come tanti siriani in questo frangente di guerra civile, padre François era stato costretto a lasciare la propria casa di Aleppo e a riparare nelle montagne dell’Oronte, dove si era messo al fianco dei francescani (con i quali coltivava stretti legami spirituali). A Ghassanieh viveva nelle ultime settimane insieme ad un frate francescano della Custodia di Terra Santa, impegnandosi nel portare sollievo alle persone in difficoltà con la semplicità che era il suo stile.

Fino a ieri, all’assalto che gli è costato la vita.

 

Una settimana tragica per Aleppo

Nei sobborghi della città e nei villaggi limitrofi sono in corso pesanti combattimenti contro le forze islamiste che hanno lanciato una controffensiva. La testimonianza dei frati della Custodia.

Gli interventi della Custodia di Terra Santa in Siria

Il racconto di Tommaso Saltini, direttore dell’ong ATS - Pro Terra Sancta, al rientro dalla Siria. Alcune modalità di impiego dei fondi stanziati dalla Custodia anche grazie alla generosità dei lettori.

Monsignor Vasil': «La Siria, come un Calvario in attesa di Pasqua»

L’arcivescovo Cyril Vasil’, segretario della Congregazione per le Chiese orientali, è appena tornato dalla Siria dove si è recato per incontrare i cattolici locali. Terrasanta.net ha raccolto le sue impressioni.

Digiuno e preghiera per la Siria in ginocchio

Viene celebrata oggi, 10 febbraio, la Giornata mondiale di digiuno a preghiera per la pace in Siria e Iraq. A lanciarla è la fondazione Aiuto alla Chiesa che soffre. Intanto la diplomazia arranca e la guerra continua.

Dai cattolici di Terra Santa messaggio all'Europa ferita

All’indomani dell’assassinio di padre Jacques Hamel, in Francia, i vescovi cattolici di Terra Santa sono vicini all’Europa. In video da Gerusalemme le parole di mons. Pierbattista Pizzaballa.

La Palestina vuol portare la Gran Bretagna in tribunale

I palestinesi intendono citare in giudizio la Gran Bretagna per la Dichiarazione Balfour, che nel 1917 incoraggiò il movimento sionista. Solidarietà dalla Lega Araba?

Quei bimbi ebrei yemeniti che ancora interrogano Israele

Da maggio si è tornato a parlarne in Israele, dopo un reportage giornalistico. È la vicenda di mille bimbi ebrei yemeniti scomparsi fin dalla prima migrazione verso lo Stato ebraico nel 1948.

«Passi per la pace», un progetto di Parents Circle

Tra le iniziative portate avanti dal forum israelo-palestinese dei familiari di vittime del conflitto c'è anche "Passi per la pace", nato da un gruppo di donne di Parents Circle.