Letture

Dentro l'Italia ebraica


di Carlo Giorgi |  14 aprile 2010

Guardare l'Italia dal punto di vista insolito dell'ebraismo e dell'ebraicità. È il compito che si prefigge questo testo bilingue che permette di conoscere ogni tipo di attività culturale, religiosa e commerciale dell'ebraismo tricolore, dalla Sicilia alle vette dell'Alto Adige. Ne è autore ed editore Meyer Piha, instancabile divulgatore della cultura ebraica nel Bel Paese.


Guardare (e scoprire) l'Italia da un punto di vista insolito: quello dell'ebraismo e dell'ebraicità. Si intitola Thecomplete Italy Jewish Guide («Guida completa all'Italia ebraica»), il manuale bilingue italiano/inglese che permette di conoscere ogni tipo di attività culturale, religiosa e commerciale dell'ebraismo tricolore, dalla Sicilia alle vette dell'Alto Adige.

Autore ed editore del volume - pubblicato per la prima volta nel 2006 - è Meyer Piha, ebreo italiano, economista (laureato in Bocconi, a Milano) e instancabile divulgatore della cultura ebraica nel nostro Paese.

La guida curata da Meyer si può dividere in due parti principali. Una prima di tipo «regionale»; e una seconda «culturale e turistico». Nella prima parte del volume ecco emergere l'Italia ebraica: regione dopo regione è catalogato tutto quel che si può trovare conforme alla religione del «popolo eletto» in Campania, Emilia Romagna, Lazio, Liguria, Lombardia, Piemonte, Puglia, Toscana, Trentino, Veneto-Friuli (nonché in Costa Azzurra, a onor del vero, terra francese).

Il capitolo riguardante ciascuna regione è introdotto da un paragrafo storico sulla presenza ebraica, fatta di arrivi, espulsioni, diritti conquistati o mortalmente negati nel corso dei secoli. Pagine che fanno conoscere una storia nuova, forse perché cancellata, e spesso dolorosa del nostro Paese. Seguono, regione per regione, gli elenchi di comunità , sinagoghe, cimiteri e alberghi, ristoranti e musei, negozi e agenzie turistiche ebraiche; tutti provvisti di riferimenti e indirizzi. Utili ugualmente per un turista ebreo straniero o per uno italiano e non ebreo.

La seconda parte del volume è suddivisa in capitoli tematici: un primo capitolo schiettamente turistico, con l’elenco degli alberghi, le agenzie di viaggio e i musei ebraici in tutta Italia; poi il capitolo sulle sinagoghe, i negozi kosher e di articoli (libri, gallerie d’arte) legati al mondo ebraico. Poi i ristoranti e i servizi per il catering o le location per gli eventi. I centri ebraici, gli organizzatori di matrimoni e le orchestre di musica ebraica; le farmacie kosher e le residenze per gli anziani.

Altro capitolo di grande interesse del volume è quello relativo alla presenza della comunità italiana in Israele. Associazioni di immigrati italiani, ristoranti tipici, ma anche studi legali o immobiliari italiani; istituti di cultura, giornali, associazioni di volontariato a Gerusalemme, Tel Aviv, Eilat, Haifa e al Kibbutz Lavi. Completa l’opera un lungo capitolo, posto al centro del volume, sul cibo e le bevande kosher. Il taglio è più normativo e didattico.

La guida, di cui nel 2011 uscirà una versione aggiornata con l'aggiunta di nuovi capitoli, è introdotta dai messaggi augurali delle maggiori personalità dell’ebraismo israeliano e italiano. Spiega il successo del volume, nella sua Introduzione, rav Elia Richetti, rabbino capo di Venezia: «Religioso o no, sensibile ai valori della tradizione o meno, frequentatore abituale della Sinagoga o assente, credo che non esista ebreo che trovandosi in un luogo lontano da casa , per turismo o per lavoro, non cerchi di sapere se in quel luogo esiste traccia di presenza ebraica, presente o remota. È forse questa scintilla di ebraismo che esiste in ognuno di noi a far sì che si cerchino le informazioni di questo tipo».

---

Meyer Piha
The Complete Italy Jewish Guide
Milano 2009 (II ed.)
pp. 348 - 20,00 euro 
(il prezzo si riferisce alla versione cartacea. Disponibile anche formato CD-Rom)

Il corridoio della dignità

Attraverso la vicenda personale di Badheea, profuga siriana in Libano, e ora in Italia, il consigliere provinciale di Trento, Mattia Civico, racconta l'esperienza dei corridoi umanitari.

Un atlante dell'Olocausto

Con le mappe e i grafici della cartografa Mélanie Marie e la capacità di sintesi di Georges Bensoussan, questo libro si offre come uno strumento assai utile quale originale introduzione al tema della Shoah.

Europa, 14 secoli di incontro e scontro con l'Islam

In questo saggio Massimo Campanini offre uno studio comparato fra cristianesimo e Islam, oggi assai necessario e utile a chiunque non si accontenti dei luoghi comuni sul presunto “scontro di civiltà”.

L'Ultima Cena, prima di una lunga serie

Il libro del biblista Romano Penna prende le mosse dall’Ultima Cena di Gesù di Nazaret con i dodici apostoli, esaminandone i risvolti storici e quelli ideali. L’Ultima Cena fu in realtà la prima di una serie interminabile.

Le metafore di Banksy in mostra a Milano

Al Museo delle Culture (Mudec) di Milano una mostra dedicata a Banksy, artista e writer dall'identità tuttora ignota. Sul muro di separazione a Betlemme alcune delle sue opere più celebri.

Una bussola per la sharia

Ai giorni nostri quella della sharia non è questione astrusa per eruditi. Anche un pubblico più vasto si interessa all'origine e ai contenuti delle norme religiose islamiche. Un libro offre le coordinate per orientarsi.

Oltre i muri, almeno virtualmente

Far incontrare idealmente le famiglie israeliane con quelle palestinesi è l'ambizione di un'installazione di realtà virtuale proposta al Museo di Israele, a Gerusalemme. È Visitors 2018 di Daniel Landau.

In Terra Santa coi francescani

Recarsi in Terra Santa è toccare con mano i luoghi in cui il Verbo di Dio è entrato nell'esperienza umana in Gesù di Nazaret. I frati minori della Custodia promuovono i pellegrinaggi con l'apposito Ufficio di Roma.