Film, mostre ecc.

Il Santo Sepolcro nel PC


 Terrasanta.net |  22 marzo 2010

Due pellegrini inginocchiati alla pietra dell'Unzione, nella basilica del Santo Sepolcro, a Gerusalemme. (foto L. Senigalliesi)

S'avvicina la Pasqua e il luogo ideale in cui celebrarne il Mistero sarebbe la basilica del Santo Sepolcro, a Gerusalemme. Con un buon computer e una connessione a banda larga anche chi non può mettersi in viaggio può compiervi ora una sorta di pellegrinaggio virtuale. E già che c'è può pure soffermarsi davanti al Muro del Pianto e nella moschea di Al Aqsa.


(e.p.) - S'avvicina la Pasqua e il luogo ideale in cui celebrarne il Mistero sarebbe la Terra Santa e, in particolare, la basilica del Santo Sepolcro.

Naturalmente non a tutti è possibile mettersi davvero in viaggio verso quella meta. Grazie a una società turca specializzata in multimedialità, però, chi ha a disposizione un buon computer e una connessione a banda larga può compiervi una sorta di pellegrinaggio virtuale anche senza muoversi da casa.

I siti Internet www.360tr.com e www.std24.net in collaborazione con il fotografo turco Aykut Ince hanno reso possibile una visita virtuale alla basilica. Manovrando il mouse o i tasti che muovono il cursore, i visitatori possono godersi diverse vedute panoramiche dell'interno della basilica e del sagrato. Si possono inoltre compiere analoghe visite virtuali al Muro Occidentale (o Muro del Pianto) e alla moschea di Al Aqsa (nota bene: il browser deve essere dotato dell'applicazione Adobe Flash).

Nell'ambito di quello che viene denominato Progetto comune per l'Umanità, i creatori di queste visite virtuali intendono porre in evidenza gli aspetti multiculturali e multireligiosi di Gerusalemme, convinti come sono che accrescendo questa consapevolezza si contribuisca in modo determinante al raggiungimento della pace.

L'intento dei curatori dell'iniziativa è di rendere presto disponibili anche le visite virtuali a luoghi santi di altre religioni.

La farmacia della Custodia, un patrimonio antico

Riforniva gli abitanti di Gerusalemme e divenne punto di riferimento per la cura della popolazione. Creata dai frati francescani nel Trecento, era la farmacia della Custodia di Terra Santa. 

Dalla Val di Fassa a Betlemme, è Natale a teatro

Il 21 settembre scorso gli studenti della Scuola ladina di Fassa (in provincia di Trento) hanno rappresentato a Betlemme lo spettacolo Il primo Natale. Con loro in scena anche studenti palestinesi.

A due film israeliani il premio del pubblico della Berlinale 2016

Il cinema israeliano si congeda dalla 66.ma edizione del Festival internazionale del cinemadi Berlino, che si è appena conclusa, con due prestigiosi riconoscimenti, ottenuti entrambi nella sezione Panorama.

Il prezzo del Ritorno

Amos Elon abbandonò in maniera definitiva Israele nel 2004 e fece promettere che la sua famiglia non vi avrebbe mai fatto ritorno. Ma dopo la sua morte, la figlia regista Danae decise di infrangere la promessa...

Oltre i muri, almeno virtualmente

Far incontrare idealmente le famiglie israeliane con quelle palestinesi è l'ambizione di un'installazione di realtà virtuale proposta al Museo di Israele, a Gerusalemme. È Visitors 2018 di Daniel Landau.

Barluzzi, progettista per la gloria di Dio

In un pellegrinaggio nei santuari cristiani in Israele e Palestina si incontrano non poche chiese costruite nel secolo scorso. Molte sono riconducibili a un unico progettista: l'italiano Antonio Barluzzi.

L'Egitto di san Francesco

Lo spagnolo Manuel Corullón, frate minore che da 25 anni vive in Marocco e coltiva il dialogo con i musulmani, rilegge in questo agile volume il celebre incontro tra san Francesco e il sultano d'Egitto nel 1219.

In Terra Santa coi francescani

Recarsi in Terra Santa è toccare con mano i luoghi in cui il Verbo di Dio è entrato nell'esperienza umana in Gesù di Nazaret. I frati minori della Custodia promuovono i pellegrinaggi con l'apposito Ufficio di Roma.